5 ore di pellestrina

LA “5 ORE DI PELLESTRINA”, UNA CORSA A RITROSO NEL TEMPO

Ingredienti: Pellestrina, sognante paesino rimasto immobile nei secoli; un ristorante a base di pesce freschissimo e ottimamente cucinato, servito da camerieri d’altri tempi nonostante la giovane età; l’amicizia dei soci del Cenacolo, che riporta alla memoria il verso ciceroniano “divinarum humanarumque consensio”, l’accordo sulle vicende divine e umane. Tre ingredienti semplici che hanno permeato di sé, come il naturale sviluppo di un’idea, l’iniziativa della cena in trasferta.

Dove è emersa con prepotente personalità la profonda differenza tra banalità e semplicità: la banalità si scioglie in noia garantita, la semplicità rappresenta un micro universo di sentimenti & sensazioni, rendendo l’escursione una serata da ricordare per definizione, ricca di promettenti indicazioni per il quasi immediato futuro, la cena degli auguri natalizi. Prima di parlarne, ci fa piacere sottolineare l’ottima l’organizzazione di Roberto Pastorello e la spigliata presentazione dello speaker Enrico Barasciutti. La domanda ci sorge spontanea: abituato alle manifestazioni di boxe, cosa ha provato sentendo dalla cucina “fuori i secondi” intesi come piatti e non nel significato del pugilato… Le indicazioni per il quasi immediato futuro, si diceva: lo show di altissimo livello del socio ritrovato Roby Gordon, ad esempio, che nonostante oggettive difficoltà logistiche di esibizione (mancava tra l’altro un microfono, ma Pellestrina mantiene fortunatamente la sua indole naif) in un contesto lontano anni luce dai fasti del Lido di Parigi ai quali il sempre vivace illusionista è ormai abituato, ha anticipato appunto la festa natalizia come significativo regalo ai soci-amici. Valletto d’eccezione Giorgio Calore, spiritoso e comunque concentrato sull’inedita parte. Se son rose fioriranno…

Tra i partecipanti, Jacopo Tognon, nonostante i suoi sempre più pressanti e prestigiosi impegni.
Una breve parentesi: non sono avvezzo alle autocitazioni, ma lo scrivente, parlando per otto minuti cronometrati su alcuni aspetti non conosciuti dell’isola veneziana, ha voluto dare un piccolissimo contributo ai presenti nel rispetto e nel segno di una frase che mi è rimasta impressa pronunciata in sede di commento dal presidente del Cenacolo, Manuele Molinari: “Ogni socio, nel campo delle sue competenze, ha il piacere di dare qualcosa di sé alla causa del sodalizio spinto dallo spirito di squadra”. Possiedono un valore specifico in questo contesto anche le battutine al simpatico vetriolo di Francesco Callegaro e un giustamente orgoglioso amarcord sportivo di Giampietro Battaglia.

Tutti segnali di vero feeling, dando così ragione a Cicerone che ha trasformato e ampliato il significato di amicizia, fino ad allora relegato all’arido ruolo di convenienze sociali. E così, in sole cinque ore letteralmente volate ci siamo riempiti pancia & mente, sposando quel proverbio francese a basso coefficiente di romanticismo ma di sicuro efficace, che recita “la felicità passa per lo stomaco” (come dimenticare gli spettacolari spaghettini del ristorante Da Memo?) aggiungendo una ventata di fresca allegria e socializzazione moltiplicata per 53, il ragguardevole numero dei partecipanti. Un traguardo non da poco, a pensarci bene.

Un articolo di: Paolo Donà


Guarda tutte le foto dell’evento su PHOTO GALLERY

VINCE IL CORONAVINUS! QUELLO DI NEVIO SCALA

VINCE IL CORONAVINUS! QUELLO DI NEVIO SCALA

Nevio Scala al Cenacolo di PadovaOltre le più rosee previsioni: la classica frase “salva ottimismo” che immancabilmente viene utilizzata per esprimere la profonda soddisfazione per un evento che ha riscosso un inaspettato successo. Ma nel caso del debutto dopo il “tutti a casa” del virus, la serata del Cenacolo alla Montecchia potrebbe far coniare (almeno ad uso interno dei soci…) l’espressione rinforzata “oltre le più folli e rosee previsioni”. I presenti hanno raggiunto quota 99, nuovo record del club escludendo la festa degli auguri natalizi, ma soprattutto l’atmosfera che si è respirata dal primo all’ultimo minuto ha avuto il fresco e frizzante sapore di un nuovo punto di partenza, freneticamente atteso per mesi, alla faccia del Covid-19.

La caratura degli ospiti ha fornito un ulteriore valore aggiunto alla qualità della kermesse: il tecnico Nevio Scala (con il figlio Claudio) nelle vesti di produttore di vini a Lozzo Atestino (imperdibile il suo Garganega); Nicola Sponsiello, nutrizionista dello Sport; Guido Busato, agronomo; Renato Malaman, giornalista esperto in enogastronomia.

Vince il CoronaVinus. Quello di Nevio ScalaOspiti d’onore, il prefetto Renato Franceschelli e il sindaco Sergio Giordani, socio del Cenacolo. Sapiente la regia di Stefano Edel (anche lui socio del sodalizio) nelle vesti di moderatore dell’incontro. E’ intervenuta anche la professoressa Tatiana Moro, in rappresentanza dell’università di Padova, che ha pianificato assieme al Cenacolo l’iniziativa di una borsa di studio da 2.500 euro da assegnare al migliore laureato in Scienze Motorie.

Nicola Sponsiello al Cenacolo di Padova“Una estrema soddisfazione” – commenta il presidente del sodalizio Manuele Molinari“Tra l’altro il nostro evento ha coinciso con la riapertura della Montecchia. Ho constatato un clima meraviglioso tra i partecipanti. Sottolineo con piacere che la serata è trascorsa nel segno di un meraviglioso spirito di aggregazione. Senza contare il prestigioso accordo con l’università di Padova”.

 

Tra un bicchiere e l’altro, oltre che sul vino (Scala nella sua carriera non ha mai fatto mistero della sua naturale e forte inclinazione e propensione per il mondo agricolo), il discorso è scivolato sul calcio. Parma, Spartak Mosca, Shakhtar Donetsk (Ucraina, città natale del formidabile astista Sergjei Bubka che proprio a Padova ha stabilito il record del mondo con 6.12), Besiktas Istanbul e Borussia Dortmund sono stati i pilastri su cui ha costruito la sua notevolissima attività di allenatore, dopo essere stato ottimo calciatore del Milan. Scala, persona di valori antichi e spessore morale, ha spiegato che pur avendo un traduttore al seguito di fronte alla oggettiva difficoltà di parlare russo, ucraino e turco oltre alle quattro lingue che già conosce, e pur essendosi divertito moltissimo per la sua inedita esperienza, ha incontrato un ostacolo impossibile da superare proprio nelle traduzioni dell’interprete: “Per quanto bravo sia, traduce fedelmente parola per parola, ma non potrà mai riprodurre la voce dei sentimenti”. Un simile pensiero ci pare rappresentare in maniera completa il bellissimo mondo interiore di Nevio Scala, un vero signore.

Un articolo di: Paolo Donà


Guarda tutte le foto dell’evento su PHOTO GALLERY

Intervista a: Fabio Balaso

Intervista a: FABIO BALASO

Fabio Balaso è uno dei tre candidati al premio Michelangelo, il prestigioso riconoscimento che il Cenacolo assegna allo sportivo padovano dell’anno. Il libero della nazionale di pallavolo e della Lube Civitanova – con la quale nel 2019 ha vinto scudetto, Champions League e Mondiale per Club – è originario di Trebaseleghe ed e è cresciuto nella fila della Pallavolo Padova dove ha esordito da titolare a soli 16 anni, mettendo assieme 162 presenze. Dalla Kioene, due stagioni fa, il grande salto alla Lube dove è diventato uno dei grandi protagonisti dei trionfi della società marchigiana.

Fabio Balaso“Sono felice e onorato di essere tra i candidati di questo premio – dice Balaso -, ringrazio le redazioni sportive che mi hanno indicato. Il 2019 è stato effettivamente un anno speciale per me con tante vittorie. Sono consapevole che con tutta la squadra abbiamo fatto veramente qualcosa di speciale”. Cosa sa del premio? “Mi hanno detto che non si sa ancora quando si conoscerà il vincitore, però a questo punto spero di essere in lizza fino alla fine e, perché no, anche di vincere”.
Dove sta vivendo in questi giorni particolari? “Sono rimasto a Civitanova, anche dopo lo stop ai campionati. Ho preferito non muovermi, visto che la società mi ha lasciato l’appartamento a disposizione. Credo di tornare a Padova dopo il 4 maggio. Però sono tranquillo, perché i miei genitori stanno bene e vedo che anche in Veneto la situazione sta decisamente migliorando. Abito vicino al mare e la tentazione di fare una bella corsetta l’ho avuta molte volte, ma ho osservato rigorosamente le regole”.

E’ però in buona compagnia. “Sì, sono con Sara, la mia fidanzata e il mio cane Buddy, da sette mesi il nostro nuovo coinquilino. Ci facciamo tutti molta compagnia. Sono anche fortunato perché ho un po’ di giardino a disposizione e questo rende le cose un po’ più semplici”.

Come trascorre le giornate? “Credo un po’ come tanti, in casa tra un film, una lettura e un po’ di allenamento. E, ovviamente, il giro dell’isolato con Buddy”.

Fabio BalasoCome ci si allena in casa? “Faccio tre volte alla settimana pesi. Alla Lube siamo stati in palestra fin a quando è stato possibile. Con la certezza della chiusura dei campionati, ci siamo ovviamente fermati. Abbiamo fatto un ultimo ritrovo al palasport, con le necessarie precauzioni, e ci siamo salutati. Con un po’ di tristezza, perchè quando sei abituato a vivere in palestra e vederti due volte al giorno è difficile azzerare tutto da un momento all’atro”.

Il blocco dei campionati ha suscitato parecchie polemiche tra Lega e Federazione. Lei cosa pensa? “Penso che sia stata presa la decisione giusta. L’ultima partita che abbiamo giocato era a porte chiuse ed è stato davvero surreale. Noi giochiamo soprattutto per il pubblico e farlo a spalti vuoti aveva davvero poco senso”.

E la Nazionale? “Anche lì tutta l’attività è stata sospesa. Si dice che forse a giugno o a luglio si potrebbero organizzare degli stage per i più giovani, ma credo sia ancora presto per capire se questa cosa sarà possibile”.

Come giudica la trattativa per ridurre gli ingaggi della stagione? “Una riduzione è giusto che ci sia, ma il 30 per cento ipotizzato all’inizio è secondo me troppo. Molte squadre erano a poche giornate dal fine della stagione e una decurtazione di questo tipo penalizza eccessivamente”.

Come si immagina il prossimo campionato? “Sarà un anno di transizione. Quasi tutte le società hanno grossi problemi economici e quindi questo condizionerà le scelte tecniche e di mercato. Ci dovremo rassegnare alla partenza di molti campioni e, quindi, sarà un campionato diverso. D’altronde molti sponsor faticheranno a onorare i loro contratti e molti potrebbero addirittura ritirarsi. Sarà un campionato particolare ma non per questo, meno interessante. Magari cambieranno certi valori”.

Ci sarà però la possibilità di lanciare molti giovani. “E questa sarà una gran bella cosa. C’è un gran bisogno di valorizzare i nostri talenti e questa sarà certamente l’occasione buona”.

In fin dei conti la grande carriera di Fabio Balaso è nata così. Quando la Pallavolo Padova ha deciso che in A/2 si poteva anche giocare con un libero di 16 anni. Un’intuizione, una scommessa vinta, un investimento su un ragazzo che è comunque rimasto quello di una volta: umile, silenzioso, incline al sacrificio e sempre pronto ad ascoltare e a imparare. Le basi per diventare un campione assoluto.

Un articolo di: Massimo Salmaso

Intervista a Andrea De Nicolao

Intervista a: ANDREA DE NICOLAO

Lo stop definitivo al campionato di LegaBasket Serie A decretato dalla Federazione Italia Pallacanestro ha finito per bloccare, inevitabilmente, anche la stagione di Andrea De Nicolao. Il 28enne play padovano, vice-capitano della Reyer Venezia con la quale aveva vinto lo scudetto la scorsa stagione, stava disputando un’ottima annata: tra i protagonisti assoluti del trionfo orogranata di metà febbraio nelle Final Eight di Coppa Italia a Pesaro, ha anche ritrovato la maglia della Nazionale.

Come sta vivendo questa situazione?
«Direi che lo stop definitivo al campionato, oltre che una decisione di buon senso, sia stato a questo punto inevitabile. Noi tutti speravamo di poter riprendere a giocare ma, dopo un mese dall’inizio, eravamo ancora troppo indietro nel combattere questa epidemia. Ipotizzare scenari futuri in questa situazione non era semplice e giocare dopo il 30 giugno, francamente, impensabile… avrebbe finito col “minare” anche la prossima stagione. Lo dico senza voler fare polemica: noi atleti professionisti non siamo delle macchine; il riposo, troppo spesso sottovalutato, è parte integrante dell’allenamento e permette di ricaricare le pile, anche dal punto di vista mentale. Che poi, francamente, riposo è solo dalle sedute di squadra: la società ci ha fornito un programma-guida da seguire; ed anche durante l’estate ognuno di noi ne approfitta per andare a correre, per fare un programma personalizzato o sedute di tiro. Con il “rompete le righe” definitivo dato dalla società, comunque, anch’io sono tornato a casa qui a Varese: mi sto godendo un po’ la famiglia, ne approfitto per passare più tempo con mia moglie e mia figlia. Avendo fortunatamente un giardino grande, sfruttiamo le belle giornate per stare all’aria aperta; cerchiamo di rilassarci un po’, giocando e leggendo, senza però trascurare i lavori di manutenzione che sono comunque sempre tanti (non a caso lo abbiamo raggiunto telefonicamente in una pausa tra il ripulire del boschetto e pitturare, ndr) » .

Nel frattempo, da Padova è giunta la nomina per il Premio “Il Michelangelo” fiore all’occhiello del Cenacolo: dove figura nella triade di atleti con Fabio Balaso del volley e Alberto Dainese del ciclismo. «Fa davvero molto piacere! Non conosco nei dettagli la storia del premio, e francamente nessuno me lo ha comunicato ancora ufficialmente: lo ho appreso anch’io dai giornali… So, però, che è un riconoscimento molto importante e con una sua lunga storia alle spalle (istituito nel 1987 intende premiare ogni anno l’atleta e il dirigente padovani autori di imprese nella stagione agonistica precedente o in carriera, ndr) : scorgendo l’albo d’oro, tra l’altro, ho visto che per il basket lo ha vinto soltanto Leo Busca nel 2016. Sarebbe dunque per me un doppio onore» .

Di recente, la pagina Facebook “Storia del Basket Padovano” ha inoltre lanciato una sfida: ricordando il derby giovanile del 2005 (portando a testimonianza l’articolo del “Gazzettino” dell’epoca, da lei fornito) nel quale, in maglia Virtus ’91 contro il Petrarca Patavium, segnò ben 65 punti. E’ stata la sua miglior partita? «Migliore in assoluto, non so. Ma, anche se ormai lontana nel tempo, la ricordo ancora bene: fu davvero singolare, segnavo con facilità; e resta in assoluto, come quando me lo chiedono i bambini, quella in cui ho fatto più punti. Anche da giocatore professionista, però, ho fatto buone prestazioni: solo quest’anno, ad esempio, ho ottenuto il record mio e della Reyer nel numero di assist in una gara (i 14 assist contro Cantù sono 4° risultato assoluto ogni tempo di un italiano nel massimo campionato, ndr) o le stesse gare di Coppa Italia…» .

E il futuro come lo vede? «Speriamo davvero che a settembre si possa ripartire. Con che regole, lo decideranno le istituzioni: la serie A, infatti, rappresenta una spinta per tutto il movimento. Certo, la speranza è anche quella che si possa farlo con i tifosi: con la Reyer siamo stati gli ultimi a giocare, il 3 marzo nel derby italiano con Brescia per l’ultima giornata di Top 16 di Eurocup; quella gara si disputò a porte chiuse e anche se vinta, facendoci tra l’altro passare il turno (l’Eurocup ufficialmente non è stata ancora sospesa e per di più mette in palio un posto per l’Eurolega della prossima stagione, ndr) , fu una sensazione strana e particolare. Dal punto di vista personale, ho un altro anno di contratto e, salvo situazioni clamorose, dovrei dunque restare un altro anno in maglia orogranata » .

Un articolo di: Giovanni Pellecchia